L’andamento dei Prezzi dei Pannelli Fotovoltaici

prezzo_2014_pannelli_fotovoltaici

Continua ad abbassarsi il prezzo del polisilicone , principale componente utilizzato per la realizzazione dei pannelli fotovoltaici. Ma non solo, scendono anche i costi di produzione dei wafer solari ( che comprendono i costi combinati di polisilicio e del wafer di trasformazione). Lo ha dichiarato SolarBuzz con il suo ultimo report.

Nello specifico, come potete vedere dal grafico, nel 2014 i costi per watt per realizzare un pannello fotovoltaico sono scesi a meno di 20 centesimi di dollari pari a 15 centesimi di euro. Si tratta del minimo storico, nel 2014 il calo è stato del 6% mentre dal 2008 il calo medio annuale è del 16 per cento all’anno. Ancora piú sostenuto il calo dei prezzi dei moduli per il 2015.

Il prezzo sostenuto per la realizzazione dei wafer è attualmente un terzo di quello di cinque anni fa, e anche se il rapido ritmo di riduzione dei costi sta cominciando a diminuire, l’ eccesso di offerta ed i prezzi estremamente bassi di vendita dei pannelli fotovoltaici stanno costringendo i produttori di polisilicio e wafer a trovare modi per ridurre il costo a livelli impossibili rispetto agli altri anni “, ha sostenuto Charles Annis , vice presidente di NPD Solarbuzz.

Sono numeri che fanno ben sperare in un ulteriore calo dei prezzi di un modulo solare che però potrebbe essere bilanciato da un forte aumento di domanda. Nel 2014 infatti è previsto un aumento mondiale di polisilicone del 25%, vedi articolo, anche se tra il 2005 la fine del 2014, la quantità media di silicio utilizzato nei moduli fotovoltaici è diminuita del 55%, a circa 5 grammi per watt. Questa tendenza dovrebbe continuare anche nel futuro, anche se a un ritmo più lento.

La forte domanda di moduli fotovoltaici continuerà quindi a mantenere alti i livelli di produzione di silicio policristallino. Questo, a sua volta, genererà una maggiore efficienza dei moduli riducendo i costi, che rimarranno importanti priorità su tutta la filiera solare fotovoltaico, al fine di aumentare la redditività per il 2014 e stimolare un aumento della domanda di mercato nei prossimi anni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *